La nostra idea per il Castello di Milazzo: alcune anticipazioni

Questa settimana ho depositato all’Assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo, la nostra proposta sul Castello di Milazzo.

Una proposta che ha un lungo iter, iniziato con gli Stati generali del Castello lo scorso giugno, dove abbiamo partecipato con l’Associazione Prima il Territorio.

Tuttavia in questi mesi abbiamo lavorato col mio staff proprio per ampliare la proposta e strutturarla con dati aggiornati, preventivi di spesa, idee concrete, oltre la linea di principio del rispetto dell’identità del bene.

Schermata 2018-01-25 alle 12.34.40

Molti giornalisti mi hanno chiesto di avere una copia di questa lunga relazione, tuttavia essendoci una trattativa in corso e uno studio di fattibilità in itinere, non riteniamo il caso di renderla pubblica. Non che ci siano segreti particolari, semplicemente bisogna prima che l’Assessorato compia i suoi studi. Vi dico intanto cosa chiediamo noi, che non è poi così lontano da quello che ci hanno richiesto alcuni funzionari e dipendenti del Dipartimento dei Beni Culturali dello stesso Comune di Milazzo ma anche altri esperti del settore tra cui la Prof.ssa Rossi dell’Università di Torino. Nello specifico ecco alcune idee:

  • Un budget per le sponsorizzazioni in Italia e all’estero del bene, tramite un accurato piano di comunicazione a più fasi.
  • Una guida turistica regionale che al momento manca.
  • Nuova cartellonistica online e offline.
  • Una app di realtà aumentata.
  • Dei fondi per la gestione straordinaria dello stesso bene.
  • Un capitolo di spesa, il più rilevante, per eventi e mostre a carattere regionale e internazionale.
  • Una partnership con privati e agenzie, nell’ottica del Destination Management.

In estrema sintesi si tratta di collocare il bene sul mercato turistico facendolo conoscere ai segmenti adatti che abbiamo definito. La pianificazione adottata verte ovviamente su un tipo di turismo culturale, in grado di apprezzare e qualificare la struttura enorme che in questo momento è solo “mattoni e storia” perchè privata di ogni tipo di valorizzazione.

Nella relazione non c’è solo spazio per preventivi e idee cantierabili ma anche soluzioni a basso costo comunque applicabili, come il registro fisso delle entrate, i servizi di customer care, alcune soluzioni per il marketing non convenzionale come l’invito a visitare il castello attraverso il passaparola via instagram e tante altre novità.

1e251483ed365aebe2257b264ca45820

Le idee per il Castello – più corretto definirlo Cittadella Fortificata – hanno il sapore dell’innovazione ma si dividono in due grandi filoni: uno tende a valorizzare il bene da dentro, quindi in ottica di manutenzione e pulizia, oltre che per eventi e mostre.

L’altro filone è invece all’esterno, pensato quindi per comunicare il brand turistico del bene sui canali adiacenti alla pubblicità turistica (dai cartelli sulla metro fino alle partnership con musei o negli aeroporti).

Insomma parecchia carne al fuoco, parliamo di una sessantina di pagine che a breve renderò pubbliche dopo il confronto con l’Assessorato. Dobbiamo capire cosa e come realizzare, tra queste idee ambiziose. Sono però fiducioso che viaggiamo nella direzione giusta anche per il rapporto che mi lega con l’Assessore Pappalardo, massimo esponente di Fratelli d’Italia in Sicilia.

Come sempre vi terremo aggiornati, il turismo è e resta uno dei nostri 4 punti programmatici essenziali!

Antonio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...